Il Consorzio di Bonifica della Sardegna Meridionale ha deciso di erogare l’acqua anche a chi non è in regola con i pagamenti

Il Consorzio di Bonifica della Sardegna Meridionale ha deciso di erogare l’acqua anche a chi non è in regola con i pagamenti
Condividi

Tutte le aziende agricole potranno continuare ad usare l’acqua del Consorzio di Bonifica della Sardegna Meridionale, anche chi è moroso o non in regola nei pagamenti. Una decisione dettata dalle contingenze emergenziali oggettive: l’agricoltura non si può fermare, è un settore di primaria importanza per la popolazione.

Una decisione presa dal Consiglio di Amministrazione, riunito in videoconferenza il 15 aprile 2020.

Decisione che accoglie la nota dell’Assessore dell’Agricoltura e Riforma Agro Pastorale prot. 1287/GAB del 9 aprile 2020, con la quale ai Consorzi viene chiesto di “garantire la regolare erogazione del servizio d’irrigazione ai consorziati anche in caso di morosità… anche in ragione della necessità di assicurare la produzione agricola locale ancora più necessaria in questa specifica contingenza”, rimandando ad una fase successiva le verifiche sulle condizioni di irregolarità nel pagamento dei tributi consortili;

Una decisione che prende in considerazione le richieste delle Associazioni di categoria CONFAGRICOLTURA, CIA, COPAGRI e COLDIRETTI, prot. 4272 del 9 aprile 2020, dove viene evidenziato – tra l’altro – che, “pur considerando corretta ed equa, per gli anni precedenti, la scelta del Consorzio di non erogare acqua ai consorziati non in regola con i pagamenti, chiedono che venga garantita l’erogazione anche alle aziende morose”;

Le condizioni perché si possa continuare ad erogare l’acqua sono legate all’ammontare del debito verso il Consorzio:

  • per coloro che hanno un debito pregresso nei confronti del CBSM inferiore ai 10.000 euro, sarà accolta con riserva la domanda irrigua per la stagione primaverile-estiva in corso;
  • per coloro i quali vantano un debito nei confronti del Consorzio di bonifica della Sardegna Meridionale compreso tra 10.000 euro e 30.000 euro, sarà accolta con riserva la domanda irrigua per la stagione primaverile-estiva in corso, assegnando una disponibilità irrigua necessaria per una superficie utile pari al 50% della superficie media dichiarata negli ultimi due anni;
  • per coloro i quali vantano un debito nei confronti del Consorzio di bonifica della Sardegna Meridionale superiore ai 30.000 euro, sarà accolta con riserva la domanda irrigua per la stagione primaverile-estiva in corso, assegnando una disponibilità irrigua necessaria per una superficie utile pari al 40% della superficie media dichiarata negli ultimi due anni;
  • Al termine del periodo emergenziale, salvo diverse indicazioni, saranno ripristinati i criteri previsti nel regolamento irriguo;


Condividi
copagrisardegna

copagrisardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.