COPAGRI SARDEGNA SU CRISI COMPARTO OVICAPRINO: BASTA CON RIUNIONI INCONCLUDENTI. LA REGIONE AVANZI UNA PROPOSTA.

COPAGRI SARDEGNA SU CRISI COMPARTO OVICAPRINO: BASTA CON RIUNIONI INCONCLUDENTI. LA REGIONE AVANZI UNA PROPOSTA.
Condividi

Nessuna novità importante sulla vertenza latte: è la sintesi della riunione convocata dall’assessora all’agricoltura Murgia con le parti sociali.

Lasciando anzitempo, dopo il suo intervento, la riunione convocata dall’assessora dell’agricoltura Murgia sul tema del latte ovicaprino, Pietro Tandeddu, responsabile nazionale del comparto, ha dichiarato: “non possiamo accettare più riunioni che minano le più elementari regole che sono alla base di corrette relazioni sindacali e che tendono ad affossare una prassi consolidata in materia di rappresentanza, anche perché riunioni di un certo tipo non portano ad alcuna conclusione.

Nel merito, dopo decine di incontri, di carattere regionale, ministeriale , i tavoli prefettizi, l’assessora deve prendere atto che il tempo delle analisi è finito; la situazione è chiara ed è data, con riferimento all’industria privata, visto che la cooperazione definirà il prezzo finale ad approvazione dei bilanci, da un prezzo medio conguagliato per la campagna trascorsa di 74-75 centesimi/litro ed un acconto per quella in corso di circa 80 c., al di sotto dei costi di produzione.

Avevamo ben visto l’8 marzo rifiutando un meccanismo incomprensibile per la definizione del prezzo. E’ arrivato il momento che la Regione, che ha competenza primaria in agricoltura, che ha l’onere di governare , avanzi una proposta, un disegno di legge per intenderci, che abbia adeguate risorse, in grado di rimuovere i nodi strutturali del comparto; le proposte avanzate da più parti sono numerose. Su questo siamo pronti a confrontarci. E non si parli di elemosine individuali, né di nuovi enti agricoli mangia soldi; si pensi piuttosto a rendere efficienti le agenzie esistenti.”

“Questo non fa venire meno l’esigenza del rispetto degli impegni assunti dalla ministra Bellanova – aggiunge il presidente regionale di Copagri Ignazio Cirronis – nessuno ha visto convocazioni dei tavoli annunciati dalla ministra all’ultimo tavolo nazionale; la bozza di decreto attuativo del registro telematico di registrazione del latte conferito, forse l’elemento più importante della legge, non viene portato al parere della Conferenza Stato – Regioni per resistenze evidenti e ingiustificate di lobby del comparto vaccino che temono ulteriori appesantimenti burocratici o meglio, l’allargamento della trasparenza.

Né è chiaro cosa si voglia fare dei 5 milioni originariamente destinati ad alleggerire i costi di credito dei pastori e che si è richiesto di riprogrammare. Così come il ministero dovrebbe farsi carico di convocare il tavolo per riaprire il confronto con il consorzio di tutela del pecorino romano sul piano di autoregolamentazione, modifica statuto e disciplinare, temi sui quali Copagri ha da mesi avanzato, al consorzio ed al ministero, puntuali proposte. Riteniamo che la componente agricola abbia tutto il diritto di dire la sua.”


Condividi
copagrisardegna

copagrisardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.